Il Battelliere, the Italian workboat magazine. News page. Notizie in tempo reale Dicembre 2003

Il Battelliere - Nautica Professionale
Altri siti I Usato I Redazione I Fast Ferries I Clienti I Novita'
Abbonam. I Pubblicità I Costr. RINa I Newletter I Cerca I Home



Novità - Ultima Ora / Dicembre 2003



ACQUISIZIONE DA PARTE DELLA COFI SRL DEL MARCHIO REMA E L'OTTENIMENTO DEL CERTIFICATO MED PER I GIUNTI COMPENSATORI COFLEX CCF E I TUBI FLESSIBILI COFLEX T1X
La società Cofi Srl si presenta come una felice realtà locale industriale in crescita e con buone potenzialità occupazionali, con sede in Santa Margherita Ligure.
Fondata e attualmente guidata dall'ingegnere Giancarlo Dughera, la Cofi srl è già nota nel settore navale militare e mercantile per la fornitura di tubi flessibili e giunti compensatori omologati Rina e MMI e da quest'anno MED.
Tale omologazione, ottenuta per i propri giunti compensatori COFLEX CCF e i tubi flessibili COFLEX T1X, permette alla Cofi srl di essere tra i precursori dell'applicazione della direttiva europea 2002/75/CE (direttiva MED) che ha istituito nuove norme sull'equipaggiamento a bordo delle navi.
Sia i tubi flessibili COFLEX T1X che i giunti COFLEX CCF, provvisti di speciali protezioni, sono stati studiati per il passaggio di fluidi pericolosi nei locali a rischio incendio in quanto sono in grado di resistere ad una temperatura di 800 gradi C per 30'.
Tra gli altri prodotti inseriti nella gamma merceologica della Cofi srl meritano particolare menzione le guarnizioni in genere con speciali esecuzioni nel settore dei ricambi per pinne stabilizzatrici.
Nel corso del 2003 la Cofi srl ha, inoltre, acquisito il marchio Rema, un tempo prestigioso, a cui sono legate le esperienze degli albori delle applicazioni navali mercantili e militari di tubi flessibili, giunti compensatori e guarnizioni per la siderurgia.
Con questa acquisizione la Cofi Srl è in grado di fornire al cliente un prodotto del tutto uguale alle prescrizioni costruttive previste dai disegni Rema, ma realizzato con la più recente qualità e tecnologia Cofi.
Non meno importante è precisare il fatto che l'acquisizione del marchio Rema da parte di una società come la Cofi srl, i cui tecnici operano in ambito navale dagli anni ottanta,permette di salvaguardare il patrimonio tecnico Rema, impedendo che venga acquisito da una società straniera. (Cofi srl, www.cofi.it, Dicembre 2003)

INTERMARINE VARA IL GUARDACOSTE G117 SANNA IN COSTRUZIONE PER LA GUARDIA DI FINANZA. IL VARO DELL'UNITA' NAVALE, LA SECONDA DELLA NUOVA SERIE DI DIECI GUARDACOSTE DA 27 M IN COSTRUZIONE PER LA GUARDIA DI FINANZA E' AVVENUTO COME DI CONSUETO PRESSO IL CANTIERE INTERMARINE DI SARZANA
GUARDACOSTE G117 SANNA Si è tenuta oggi, 18 dicembre 2003 alle ore 12.00 presso il cantiere Intermarine di Sarzana, la cerimonia di varo del Guardacoste operativo Classe Bigliani VI Serie "G117 Sanna" alla presenza del Gen. Castore Palmerini, comandante del Comando Regionale Liguria della Guardia di Finanza.
La madrina del varo è stata la Sig.ra Barbara Rubeo, diretta discendente del Brigadiere di Mare Antonio SANNA, croce di guerra al valor militare della seconda Guerra Mondiale a cui è intitolata la nave. L'unita' "G117 SANNA" che sarà consegnata nel 2004, e' l'evoluzione dei due Guardacoste Marino e Pedretti, costruiti per la Marina Militare nel 1985.
Realizzato in materiale composito, Nave Sanna e' un guardacoste da 27 m capace di raggiungere velocità di 40 nodi. Si caratterizza per le sofisticate tecniche di costruzione con le quali soddisfare gli elevati standard qualitativi richiesti dalla Guardia di Finanza per espletare al meglio le attività di pattugliamento costiero e di contrasto alle attività illecite e clandestine.
La nave varata oggi fa parte di un lotto di fornitura per la Guardia di Finanza che prevede la realizzazione di altre nove guardacoste da 27 metri e tre da 35 metri. In particolare, il primo dei pattugliatori da 35 metri, il "G3 Di Bartolo" è stato consegnato ad Ottobre 2003 mentre la totalita' della fornitura sarà portata a termine entro la fine del 2006.
Oltre al lotto di fornitura di cui Nave Sanna fa parte, Intermarine in raggruppamento temporaneo d'impresa con il cantiere Baglietto, in seguito all'aggiudicazione di una gara dello scorso Ottobre, dovrà costruire altre dodici vedette da 13,5 metri e 45 nodi a conferma dell'ottimo rapporto qualità-prezzo raggiunto dalle navi costruite dall'Intermarine. Inoltre, nei giorni scorsi, l'Arsenale di La Spezia della Marina Militare ha assegnato all'Intermarine il ruolo di main contractor nei lavori di ristrutturazione del cacciamine Milazzo della Classe Lerici. Questi due nuovi contratti e quelli in corso garantiscono lavoro al cantiere fino al 2005. (Intermarine SpA, 18 Dicembre 2003)

AUSMARINE EVENT (OCTOBER 26 - 28, 2004) TO INSPIRE AUSTRALIA'S MARINE INDUSTRY
Baird Publications Australia's export focussed marine industries, particularly fishing and boat building have been hit hard recently. The soaring Aussie dollar, SARS, the Iraq war and global uncertainty have all conspired to make things unusually difficult for many sectors of the marine industry.
"There is an old saying - 'When the going gets tough, the tough get going'," says Neil Baird of Ausmarine organising company Baird Publications. "One thing I have learnt from my more than 25 years in the marine industry is that it is the home of a lot of tough operators.
"That is why I am confident that these tough times will inspire ever greater innovation and efficiency. Previous bad times have always done so,"
Mr Baird said.
The objective of the Ausmarine Conference and Exhibition are, and always have been twofold. The first is to bring the international maritime world to Australia. The second is to present Australia's maritime industry to the world.
In achieving those objectives, as it has always done in the past, the organisers expect Ausmarine to help inspire even greater innovation, efficiency and competitiveness in Australia's marine industries.
Ausmarine, held every two years in Fremantle in October, is Australia's primary gathering of all the marine clans from fishermen, tug and passenger vessel operators through naval and military personnel to cargo ship owners and port operators. It provides a unique networking and information and ideas gathering opportunity. (Baird Publications, Dec. 2003)

FIERA INTERNAZIONALE DELLA PESCA, SARÀ UN RILANCIO IN GRANDE STILE. AD ANCONA SI MOLTIPLICANO LE INIZIATIVE PER L'EDIZIONE 2004
Tradizione e innovazione si incontrano alla Fiera Internazionale della Pesca di Ancona dove l'intera filiera ittica si mette in vetrina per presentare le ultime novità: dalla cantieristica ai pescherecci, dalla strumentazione di bordo all'attività in mare, dalla lavorazione alla trasformazione del pescato, dalla conservazione alla vendita all'ingrosso e al dettaglio.
E sarà l'edizione del rilancio quella targata numero 64, in programma dal 20 al 23 maggio 2004, con una serie di iniziative di grande spessore destinate a richiamare ad Ancona i protagonisti dei vari comparti. L'obiettivo dell'Ente regionale fieristico è chiaro e ben delineato: proporre un appuntamento il più completo possibile in ogni settore merceologico, consentire agli espositori di trovare un pubblico il più qualificato possibile, attrarre gli operatori professionali con appuntamenti di alto profilo.
Per quanto riguarda l'attività in mare sarà definito un programma condiviso con le associazioni nazionali di categoria con l'intento di portare ad Ancona il maggior numero di armatori delle marinerie italiane, attraverso un pacchetto di offerta che abbinerà da una parte la presentazione dei nuovi prodotti e servizi in grado di ammodernare l'imbarcazione e migliorare la qualità del lavoro, dall'altra un confronto a tutto campo per un aggiornamento sulle novità legislative, sulle nuove opportunità finanziarie, sulle iniziative da assumere congiuntamente per ottenere risposte ai numerosi problemi che vive la categoria.
Particolare attenzione sarà rivolta anche alle varie fasi di lavorazione, trasformazione, trasporto e conservazione del pescato, coinvolgendo in questo frangente le principali imprese che operano a servizio dei grossisti e dei venditori al dettaglio, sia per il prodotto fresco sia per il congelato.
Su tale fronte si punterà a mettere in vetrina beni e servizi in grado di ridurre i tempi di lavoro e i costi di produzione, di aumentare il servizio qualità, di assicurare la piena tracciabilità. Non mancherà l'occasione di seminari e incontri per illustrare nuove tecniche di lavoro e di offerta del prodotto.
Davanti al porto di Ancona, crocevia dei mercati con i Paesi che si affacciano sull'Adriatico, la Fiera punterà ad assicurare ovviamente anche quel ruolo di "internazionalità" che l'ha sempre contraddistinta sviluppando contatti tra buyers italiani e stranieri sia per sviluppare forme di import ed export, sia per stimolare accordi commerciali tra imprese. In tale ottica già attiva l'organizzazione con l'Istituto con il Commercio Estero per ospitare le numerose delegazioni straniere che hanno già presentato richiesta e che saranno selezionate sulla base delle opportunità che sono in grado di offrire alle imprese e agli operatori professionali italiani.
Nel rispetto dei suoi 64 anni di storia, questa manifestazione manterrà anche la caratteristica di appuntamento fisso per incontri e confronti tra operatori professionali, associazioni di categoria, organismi governativi ed istituzionali, istituti di ricerca, con l'obiettivo di coniugare innovazione e competitività, qualità del lavoro e redditività d'impresa.
Nell'edizione 2004, tra l'altro, la Fiera si arricchirà anche di un nuovo salone, dedicato al lavoro in mare, per dare voce e visibilità ad un settore strategico: dalla cantieristica da lavoro alla logistica portuale, dal trasporto agli allestimenti navali. (Fiera Internazionale della Pesca, Dec. 2003)

AUSTAL USA TO BUILD HIGH SPEED MILITARY CAT. ADVANCED TECHNOLOGY DEMONSTRATOR FOR OFFICE OF NAVAL RESEARCH
As a result of its expertise in the construction of lightweight, aluminium vessels, Austal USA has been awarded a contract to build a high speed catamaran that will be used to demonstrate advanced hullform technology to the United States Office of Naval Research (ONR).
The 31.2 metre vessel will be built for American Marine Holdings, which has been awarded a contract to deliver and demonstrate its SeaCoaster military vessel design to the ONR. The ONR coordinates, executes and promotes the science and technology programs of the Navy and Marine Corps as well as providing technical advice to the Chief of Naval Operations and the Secretary of the Navy.
Bill Pfister, Austal USA's Vice President of Government Projects, said the ONR project was a further example of the US military's strong interest in the use of high speed vessels.
"The Navy, Army and Marine Corps have all experienced the benefits of the types of ships Austal is able to design and build and they are clearly seeking to expand the application of this technology," he said, pointing out that Austal is already heavily involved in the defence arena.
"The 101 metre Austal catamaran "WestPac Express" has been a tremendous success story for the Marines from the day it was chartered by Military Sealift Command in 2001, and we are currently working on the design for the Navy's Littoral Combat Ship. The Army's Theater Support Vessel acquisition program is another project we are eagerly anticipating," he said.
The SeaCoaster catamaran design features cavities in each hull into which air is blown with the aim of reducing resistance and thus allowing higher speeds to be obtained. Following its evaluation by the ONR, American Marine Holdings expects various departments of the U.S. military to decide on potential applications for the air-inducted technology and subsequently order additional vessels for specific uses.
American Marine Holdings President, Mr Mike Collins, said Austal USA was selected to build the vessel for ONR due to its expertise in aluminium vessel construction.
"Austal USA brings to this market a new dimension in high speed marine transport, utilising the company's leading edge technology and construction capabilities that were not previously available to US customers," he said.
Austal USA will build the vessel in its specialised aluminium shipbuilding facility in Mobile, Alabama, where a 58 metre catamaran is also currently being constructed for Milwaukee-based ferry operator Lake Express.
Principal particulars
Overall length: 31.2 metres
Beam: 9.75 metres
Hull depth (moulded): 3.35 metres
Main engines: 4 x 1045kW diesels
Propulsion: 4 x surface-piercing propellers
Speed: 50+ knots. (Austal USA, www.austal.com, 16 December 2003)

UNA FIGURA PROFESSIONALE EMERGENTE: INTERIOR YACHT DESIGNER. L'ISTITUTO EUROPEO DI DESIGN OFFRE IL PRIMO MASTER IN INTERIOR YACHT DESIGN. COORDINATO DALL'ARCHITETTO MASSIMO PAPERINI, UNO DEI PIÙ NOTI YACHT DESIGNER ITALIANI, VINCITORE DEL PREMIO "VELISTA DELL'ANNO AUDI" DI "VELA" 2002 NELLA CATEGORIA "PROGETTISTI E YACHT DESIGNER"
Il master prevede lezioni teoriche, esercitazioni pratiche, visite presso cantieri navali, studi di progettazione, incontri con leader di aziende di componenti per l'industria e il design d'interni navale. Dalla storia della progettazione alle ultime novità nel campo dell' Interior Yacht Design, dalle regole fondamentali dell'impiantistica di bordo, compresi norme e regolamenti per la nautica, alle attrezzature più sofisticate, dalle necessità base dell'arredo navale, agli oggetti di lusso, queste e altre sono le onde disciplinari in cui naviga il master.
Obiettivo del Master è formare professionisti in grado di applicare le tecniche e gli strumenti dello Yacht Design al "concept" più innovativo e di seguire poi un progetto di interior design nei suoi vari aspetti, interagendo con le altre figure, dall'ideazione, ai disegni esecutivi, fino alla concreta realizzazione in cantiere.
Progettisti, designer, manager di aziende tecnici e costruttori del settore navale affiancheranno l'architetto Massimo Paperini nelle attività didattiche. Inoltre sono previsti seminari con noti esperti del settore che parleranno delle loro esperienze vissute tra le onde, sicuri spunti non solo per una progettazione all'avanguardia supportata anche dalla "prova in mare".
Inizio del Corso: marzo 2004. Si rivolge a laureati e laureandi in Architettura , Ingegneria e Disegno Industriale. Durata: 240 ore - 8 mesi. Giorni e orario: 3 giorni a settimana dalle 18.30 alle 21.30. (Istituto Europeo di Design, www.ied.it, Dicembre 2003)

LA JONASSOHN DI GENOVA PER LA SICUREZZA E LA SALVAGUARDIA DELLA VITA UMANA IN MARE
La Jonassohn S.r.l. di Genova, fondata da un cittadino scandinavo nel lontano 1949, inizia l'attività operativa nel 1967 specializzandosi nel settore della sicurezza e della salvaguardia della vita umana in mare, diventando oggi, azienda leader del settore grazie ad una costante ricerca e studio di soluzioni nuove ed evolute in un ottica di crescita continua.
Nel 1976 attrezza la stazione di revisione zattere autogonfiabili con i relativi impianti di collaudo e ricarica bombole.
Per garantire tempestività e completezza di servizio, imposta un laboratorio per la programmazione e codificazione degli EPIRB 406 satellitari a cui si affianca l'attività di sostituzione batterie degli EPIRB stessi, dei radar transponder, dei VHF GMDSS, e controllo e riparazione di altri apparecchi elettronici.
Dal 2001, diversificando la sua attività e potenziando i suoi servizi, attiva una stazione di revisione apparecchi autorespiratori, estintori ed impianti antincendio di bordo.
Nel settore delle forniture navali propriamente dette, la jonassohn può garantire attraverso un ampio e fornitissimo magazzino la distribuzione di tutte le attrezzature ed i prodotti per la salvaguardia della vita in mare, dai segnali di soccorso e salvataggio alle luci automatiche per cinture, dalle razioni di acqua e viveri di emergenza alle dotazioni di pronto soccorso, dai segnalatori EPIRB individuali ai più complessi EPIRB con GPS incorporato, dai NAVTEX ai radar transponder, dalle zattere e cinture autogonfiabili ai sistemi di sgancio automatico, ecc. ecc., con la costante ricerca di materiali che hanno come essenziali caratteristiche l'efficenza e la qualità , infatti vengono distribuiti solo ed esclusivamente prodotti di aziende internazionalmente conosciute per la loro serietà ed eccellenza.
La Jonassohn vuole mettere a disposizione la propria esperienza e competenza assicurando servizi efficienti, tempestivi e puntuali e può vantare autorizzazioni e riconoscimenti da parte dei maggiori Enti e Registri quali RINA, L.R., B.V., D.N.V. e A.B.S. (Jonassohn Srl, www.jonassohn.it, Dicembre 2003)

LLOYD'S REGISTER PUBLISHES LATEST MARINE TECHNICAL NEWS PUBLICATION HORIZONS
Lloyd's Register has published the sixth edition of Horizons, its technical publication for the marine sector. This latest edition provides information on the key issues that are affecting the maritime industry today.
In this issue, the following topics are covered:
* the urgency of achieving compliance with the International Ship and Port Facility Security Code, in view of the swiftly approaching deadline
* an innovative conversion project, in which Lloyd's Register EMEA helped US owner Maritrans to convert its single-hull tankers to double-hull tankers in a cost-effective manner
* the latest regulations added to SOLAS, designed to improve bulk carrier safety
* the research carried out by Lloyd's Register into thermography and its application for condition monitoring onboard ships
* advice from Lloyd's Register EMEA's fuel oil and bunker analysis service on the technical impact of low sulphur fuels
* the future potential of the feedership market for owners and shipyards. (Lloyd's Register, www.lr.org, December 9, 2003)

KVICHAK/MARINETTE DELIVER RB-M PROTOTYPE. KVICHAK MARINE INDUSTRIES, SEATTLE, WASH., RECENTLY DELIVERED A 45 FT RESPONSE BOAT--MEDIUM (RB-M) PROTOTYPE TO THE UNITED STATES COAST GUARD
KVICHAK/MARINETTE RB-M PROTOTYPE Kvichak teamed with Marinette Marine Corporation, a member of the Manitowoc Marine Group, in a competitive bid process for the RB-M. Marinette serves as the prime contractor and program manager of the prototype project and Kvichak as the builder. Two other companies were also chosen to construct prototypes. All three vessels are currently undergoing extensive sea trials and evaluations, at the USCG base in Portsmouth, Va. The review process will last for two to three months.
On completion of testing, the Coast Guard intends to award a contract to one company for a fleet of approximately 180 RB-M vessels to replace its aging fleet of 41 ft utility boats.
The six-year contract is expected to be awarded in 2004. If chosen for the contract, Kvichak and Marinette will share the vessel construction over the six-year construction time.
Power for the Kvichak/Marinette boat is provided by twin Detroit Diesel 60 series engines rated at 825 BHP each. Kamewa FF375S waterjets were chosen as the propulsors. This combination allows for excellent maneuverability and a top speed exceeding 45 knots.
The Kvichak/Marinette prototype is the only vessel on trials that is self-righting in all conditions.
The vessel also uses an innovative cruise generator, the AuraGen Viper manufactured by Aura Systems, to provide AC/DC power. Each of the AuraGens driven by the twin Detroit Diesels can provide 8 kW of power from engine idle to full rpm, continuously, with no scheduled maintenance. The units are significantly more compact and lighter than standard generator/inverter/alternator combinations.
The RB-M will be multi-mission capable and primary missions will be homeland security and search-and-rescue. "Kvichak and Marinette have offered a technologically advanced vessel for evaluation, which we feel offers the best value", said Craig Miller of Kvichak. (Kvichak Marine, December 5, 2003)

DYNAMICA GRUPPI ELETTROGENI COMPATTI
gruppi elettrogeni Dynamica Saim Marine, leader in Italia nella distribuzione di equipaggiamenti marini dei più noti marchi internazionali presenta, in occasione del Salone genovese, la nuova serie di gruppi elettrogeni Dynamica, prodotti nel suo stabilimento di Buccinasco. Il Mini 40, il più piccolo della gamma, è un generatore compatto in grado di erogare 4 kW di corrente alternata a 220 Volt. Alimentato da un Faryman diesel, monocilindrico, raffreddato ad acqua di mare, il gruppo ha un regime di rotazione di 3.000 g/m. Perfettamente insonorizzato l'apparato è dotato di numerosi allarmi che offrono la massima sicurezza di funzionamento. Con un ingombro di mm 600 x 425 x 490 e un peso di 96 kg il Mini 40 si rivela particolarmente adatto per imbarcazioni di media grandezza. (Saim Marine, marine@saim-group.com, Dec. 03)

KONGSBERG MARITIME LAUNCHES COMPACT DYNAMIC POSITIONING FOR WORKBOAT SECTOR
The New Orleans International Workboat Show 2003 is the venue for the worldwide launch of the Compact DP Series from Kongsberg Maritime. The series offers a complete DP class 1 solution for dynamically positioned vessels and is designed to meet the requirements of Offshore Service Vessels and workboats across the board.
The new system offers a scalable, cost effective, but no-less valuable solution for the smaller vessel and operator. It consists of two main components, the cPos and cJoy, both of which utilise the latest Kongsberg RCU technology, within the (cPos or cJoy) Compact Controller. This forms the heart of the system and is scalable to fit any DP class 1 system.
The controller's main function is to implement DP and joystick control algorithms, take actions as to operator commands and the information collected and processing from the various sensors in the DP system. These actions are converted by the Compact Controller to the signals that operate a vessel's propulsion and thruster systems.
The cPos is a powerful DP tool ideal for a variety of applications. It is able to provide full Auto Position functionality with options for Auto Pilot control, Line Tracking mode and Follow Target. The system is designed to interface with DGPS, Fanbeam, gyros, MRU, anemometer and thrusters as standard though several interfaces are available as options including HiPAP hydroacoustics and diesel-electric power plants.
The cJoy system adds advanced, wind-compensated joystick control with automatic heading control and optional simple station keeping to the Compact DP Series.
The cPos and cJoy are controlled via the cPos OS-520 Operator Station or cJoy OT-520 Operator Terminal respectively . These user friendly tools provide the facilities for vessel control via joystick, DP and autopilot. The cPos OS-520 is ergonomically designed for simple control adjustments and commands, and features a 17' colour TFT display, 3-axis joystick and quick access buttons for intuitive operation. The cJoy OT-520 is equal to the cPos OS-520 but is delivered without an external TFT display. The cJoy Bridge Wing Terminal can be interfaced to any of the two operator units and mounted outdoors for a cost-effective tool for joystick manoeuvring at bridge wings.
Kongsberg Maritime has utilised its experience as a leading provider of DP equipment to the offshore sector to create a compact system with advantages for the smaller vessel in price, operation and ease of installation. As the first system of its kind the Compact DP Series will make DP available to vessels that previously could not take advantage of this vital technology. (Kongsberg Maritime, www.kongsberg.com, 3 Dic.)

PESCA/FINANZIARIA 2004. SODDISFAZIONE PER GLI EMENDAMENTI PROPOSTI DALL'ULIVO, MA SERVONO STRUMENTI DI RILANCIO E SOSTEGNO PER IL SETTORE
Un confronto sugli emendamenti della Finanziaria presentati dall'Ulivo, tra i quali diversi e significativi emendamenti in materia di pesca. E' stato questo il tema dell'incontro di questa mattina a Roma, presso la sede dei Ds-L'Ulivo alla Camera, tra parlamentari del Gruppo - presenti, tra gli altri, Lino Rava (Ds) e Luca Marcora (Margherita) - e organizzazioni dell'agricoltura e della pesca. Ecco per titoli alcuni dei principali emendamenti proposti:
- Estensione a tutta la flotta dei benefici di cui alla Legge 30/98 oltre il 2004;
- Dotazione per l'articolo 5 della Legge di orientamento (convenzioni amministrazione-associazioni);
- Esenzione del settore dagli Studi di settore per gli accertamenti ai fini fiscali;
- Estensione del credito di imposta, di cui al DL 138/2002, all'imprenditore ittico;
- Estensione degli accordi di filiera ex Legge 289/2002 e rilancio dei contratti di programma nel settore della pesca;
- Rafforzamento della dotazione finanziaria per il fermo di pesca e il Piano triennale.
Giampaolo Buonfiglio, presidente dell'AGCI Pesca (Associazione Generale Cooperative Italiane della Pesca), pur richiamando la moderata soddisfazione espressa dall'AGCI Pesca sulla tenuta della dotazione per il settore sulla Finanziaria, ha ribadito l'esigenza per le imprese del settore ittico di disporre di strumenti di rilancio e sostegno a fronte del processo di ristrutturazione imposto da Bruxelles. Buonfiglio ha quindi espresso soddisfazione per gli emendamenti presentati dall'Ulivo che raccolgono le principali istanze presentate dalle organizzazioni della pesca, che si augura potranno sopravvivere ai tagli della Commissione bilancio. (AGCI Pesca, Roma, 2 dicembre 2003)




Onda
Altri siti I Usato I Redazione I Fast Ferries I Clienti I Novita'
Abbonam. I Pubblicità I Costr. RINa I Newletter I Cerca I Home